Riempite il bicchiere dei vostri bambini!

Image

RIEMPITE IL BICCHIERE DEI VOSTRI BAMBINI!

Immagina che ogni bambino abbia un bicchiere interiore che ha bisogno di essere riempito di affetto, amore, sicurezza e attenzione. Con un bicchiere pieno, i bambini sono più cooperativi, felici, fiduciosi e creativi.
Con un bicchiere vuoto, i bambini sono meno collaborativi, più tristi, annoiati, insoddisfatti e bloccati in comportamenti che non ci piacciono e che spesso li mettono nei guai.

Forse non tutti lo sappiamo, ma uno dei nostri più grandi compiti di genitori è donare ricariche emotive.
E come possiamo farlo? Offrendo ai bambini la nostra completa attenzione, soddisfando le loro esigenze, dando loro la possibilità di scegliere, ascoltandoli e offrendo loro incoraggiamento, comprensione, gentilezza e compassione.
L’amore, l’affetto e il gioco possono riempire il bicchiere dei bambini fino a farlo traboccare.
Una risata allenta la tensione, e la vicinanza aiuta i bambini a riprendersi dopo un turbamento, una delusione, un litigio o qualsiasi altro problema che hanno incontrato.
Un bicchiere pieno e una profonda connessione genitore-figlio creano sicurezza e questa spinge i bambini ad agire in modo cooperativo, con fiducia e flessibilità.

I bambini, come e anche più di noi adulti, hanno emozioni intense, comportamenti problematici e bisogni insoddisfatti. In questi momenti hanno bisogno di adulti che li ascoltino e sappiano rispecchiare loro quello che stanno ascoltando. Hanno bisogno di adulti che li guidino dolcemente, senza giudicarli o criticarli. Hanno bisogno di adulti che sappiano accogliere le loro emozioni, invece di esortarli a non piangere e a non essere arrabbiati a meno che non abbiano “un buon motivo”.
 
Spesso i nostri figli si rivolgono a noi perché hanno sete di queste ricariche emotive, anche se non è successo niente di spiacevole, ma semplicemente ricercano amore, affetto, comprensione, o la conferma della nostra presenza, attenzione, cura ecc..  Purtroppo, non sempre noi genitori ce ne accorgiamo perché magari tali richieste sono indirette, sottointese o fatte con rabbia, irritazione o comportamenti che non ci piacciono. E la conseguenza di questo mancato riconoscimento da parte nostra è che non provvediamo al loro bisogno emotivo e questo innesca emozioni difficili per loro e ulteriori comportamenti sgraditi a noi.
Quando non accogliamo o respingiamo le richieste emotive e i sentimenti dei bambini, perdiamo l’occasione di di connetterci e sintonizzarci con i nostri figli, di farli sentire importanti, accolti, visti, ascoltati, capiti, considerati, rispettati e amati.
Scommetto che anche tu, ora e fin da bambino/a hai sempre voluto sentirti amato/a, capito/a, rispettato/a, visto/a, ascoltata/o e accolta/o!
E come genitore, non vorresti forse essere il primo ad accogliere e nutrire questi sani e naturali bisogni di tuo figlio?
E scoprire che queste ricariche emotive si possono offrire nella quotidianità delle piccole cose, con semplici gesti e un'amorevole presenza, non è una bella sensazione?

Da psicoterapeuta che si occupa anche di adolescenti e adulti, ti svelo anche una sorprendente caratteristica di queste ricariche emotive.. e cioè che non si esauriscono in un'ora o in un giorno, ma vanno a creare una riserva profonda e stabile che sarà di fondamentale importanza e utilità quando tuo figlio sarà un adolescente e, più tardi ancora, un adulto, magari un genitore a sua volta.
 
Ti invito quindi a dare maggior attenzione e maggior peso a qualsiasi tipo di ricarica emotiva tu possa dare a tuo figlio, nella vostra quotidianità, nelle piccole cose... sia quando capisci e approvi il motivo della richiesta, ma anche, o forse soprattutto quando non lo comprendi o non c'è una richiesta chiara.
 
Spunti per riempire il bicchiere di tuo figlio:
  • sorriso amorevole
  • abbraccio caldo
  • carezza gentile
  • nomignolo affettuoso 
  • ascolto attento
  • cantare la sua/vostra canzone preferita
  • lanciarlo in alto, ballare insieme, ecc..
  • solletico (se gradito) o altro che lo faccia ridere
  • fare insieme il suo gioco preferito del momento
  • proporre di aiutarti a fare qualcosa in casa
  • fargli uno scherzetto simpatico o una piccola sorpresa gradita
  • passare un po' più di tempo con lui (magari a tv spenta e senza cellulare)
  • dire "ti voglio tanto bene"
  • dire "sono qui per te"
  • dire "sono contenta di vederti/essere insieme a te
  • chiedere "cosa posso fare per te/come posso aiutarti?"
  • chiedere "di cosa hai bisogno?"
  • chiedere "cosa ti piacerebbe fare insieme ora?"
  • chiedere "cosa ti è piaciuto della giornata di oggi?"
  • chiedere "cosa è stato più difficile per te oggi?"
 
 
(La metafora del bicchiere è tratta da: Cohen, Lawrence J.. Le paure segrete dei bambini (Italian Edition)  Feltrinelli Editore.)

Se ti è piaciuto questo articolo o ti sembra utile per altri, condividilo!

Vuoi rimanere aggiornata sui nuovi articoli?